provvedere alla sanificazione degli ambienti

Cinque motivi per programmare ora una sanificazione degli ambienti aziendali e commerciali

Abbiamo imparato ormai tutti come l’igiene quotidiana degli ambienti in cui passiamo la maggior parte del tempo sia fondamentale per limitare, se non addirittura evitare, le possibilità di contagio da Coronavirus. Nel momento in cui a maggio il Governo ha dato l’opportunità ad alcune categorie produttive di riaprire i battenti, si è subito sentita l’esigenza di tutelare i proprio collaboratori e utenti organizzando periodicamente la sanificazione degli ambienti, in particolar modo quelli aziendali e a seguire quelli delle attività commerciali.

La sanificazione degli ambienti è necessaria?

Softer fin da subito si è attivata per essere vicino alle aziende clienti studiando e implementando in tempi molto brevi un servizio di sanificazione degli ambienti di lavoro, dotandosi di macchinari e personale ad hoc per svolgere al meglio questo compito.

Ma la strada, come ci dicono i dati giornalieri, è ancora lunga e la guardia non deve abbassarsi: insomma vietato rilassarsi troppo, ma senza farsi prendere dal panico. Ecco perché il nostro consiglio è quello di programmare a breve una nuova sanificazione degli ambienti aziendali e commerciali per garantire un luogo di lavoro sicuro o, ancora meglio, predisporre un calendario periodico di interventi da qui ai prossimi mesi.

Certo, sappiamo che i dubbi possono essere molti: è davvero efficace? Quanto graverà sui conti dell’azienda un programma di sanificazione degli ambienti aziendali periodico? Tutte domande lecite e alle quali Softer può rispondere.

Ecco perché abbiamo raccolto 5 motivi per cui, secondo noi, è bene programmare un pacchetto di interventi di sanificazione in azienda e nei luoghi commerciali ora.

  1. Riapertura di negozi e attività commerciali

Come annunciato dalle Istituzioni nei giorni scorsi i negozi e le attività commerciali fino ad adesso rimasti chiusi (come per esempio negozi di abbigliamento per adulti, di scarpe, articoli per la casa, tessili ecc…) potranno aprire le saracinesche e ripartire con la vendita al pubblico. Un intervento di sanificazione degli ambienti, anche se i locali sono rimasti chiusi fino ad adesso al pubblico, è sicuramente un buon modo per rassicurare le persone che il proprio negozio è sicuro. A maggior ragione se viene svolta periodicamente, poiché gli oggetti in esposizione verranno toccati più volte.

  1. Uffici e festività natalizie: approfittate del momento

Quale momento migliore se non quello delle festività natalizie in cui tipicamente gli uffici chiudono, per prenotare una sanificazione degli ambienti aziendali? Tra fine dicembre e inizio gennaio infatti le aziende, gli uffici e le fabbriche approfittano delle festività e la conseguente riduzione delle attività per incentivare lo smaltimento delle ferie dei propri dipendenti. Ne consegue una diminuzione della presenza del personale nei luoghi di lavoro.  Come non approfittarne?

Sanificare gli ambienti aziendali tra Natale e Capodanno, o comunque prima della ripresa delle attività a gennaio, può essere la soluzione ottimale senza dover fermare la produzione e permettere alla squadra di sanificazione di lavorare liberamente.

  1. Sicurezza psicologica di dipendenti e clienti

La pandemia da Coronavirus ci ha abituati a fare i conti anche con gli effetti psicologici che certi eventi straordinari possono avere sulle persone. Mantenere la calma e non farsi prendere dal panico è diventato il nuovo mantra quotidiano. Ecco perché siamo convinti che organizzare la sanificazione degli  ambienti commerciali o aziendali può fare non solo bene alla salute delle persone, ma anche avere degli effetti positivi a livello psicologico: sapere di lavorare o di acquistare in un luogo sanificato, quindi sicuro, renderà le persone più calme, ben predisposte, con conseguenti benefici su clima aziendale e, perché no, sulla produttività e magari anche sugli acquisti.

  1. Se lo avete fatto in precedenza è bene ripetere il processo

Come dicevamo poco fa, pensare ad un programma completo periodico di sanificazione degli ambienti di lavoro e commerciali è necessario da un punto di vista igienico – sanitario.

È stato dimostrato infatti che il virus ha un periodo di resistenza che va dai 30 minuti a qualche giorno, a seconda della superficie su cui si deposita, come riportato dal sito web del Ministero della Salute.

Per esempio sulla carta  da stampa e la carta velina  le particelle virali infettanti sono state rilevate fino a 30 minuti dalla contaminazione; dopo 3 ore non sono più state rilevate.  Sul tessuto, invece  la presenza di tali particelle è risultata più duratura nel tempo: sono state rilevate fino a 1 giorno dalla contaminazione e non più rilevate dopo 2 giorni.

Su banconote e vetro la presenza delle particelle virali infettanti è stata rilevata fino a 2 giorni dopo la contaminazione; non più rilevata dopo 4 giorni. Più lungo  l’intervallo di tempo su  acciaio inox e plastica: le particelle virali infettanti sono state rilevate, infatti, fino a 4 giorni dalla contaminazione; non più rilevate dopo 7 giorni.

È stata testata anche la presenza delle particelle virali infettanti sulle mascherine chirurgiche: nello strato interno le particelle sono state rilevate fino a 4 giorni dalla contaminazione, dopo 7 giorni non sono state più rilevate; nello strato esterno invece le particelle virali sono risultate presenti fino a 7 giorni dalla contaminazione.

  1. Verifica degli Enti di controllo

Ultimo punto da tenere in considerazione per programmare ora un intervento di sanificazione degli  ambienti sanitari e commerciali è la verifica da parte degli enti di controllo. Poichè infatti non è obbligatorio per legge ma a totale discrezione del datore di lavoro, che decide di inserirlo nel protocollo sanitario anti COVID, in caso di controllo e verifica dei luoghi di lavoro parte degli enti preposti, dimostrare di provvedere periodicamente alla sanificazione degli ambienti di lavoro è sicuramente un punto a favore dell’azienda nella valutazione complessiva.

 

Se vuoi richiedere a Softer un intervento di sanificazione degli ambienti di lavoro e commerciali contattaci QUI.

SOFTER GROUP SRL

Softer Group S.r.l. - Via Monti Lepini 1, 20137 Milano (MI)
Tel +39 0255189965 - E-mail: infomi@softer-group.net
P.I.04439930969 - REA: MI-1748070
Capitale interamente versato 10.000 €